Sicilia

Lampedusa 2IMG_0422IMG_0447

 

 

 

 

La Sicilia deve il suo nome al popolo dei Siculi che la abitarono nell’antichità. E’ la maggiore isola del Mediterraneo ed è la regione più estesa e più meridionale d’Italia. Insieme alle isole Egadi, Eolie, Pelagie, Ustica e Pantelleria, forma una regione autonoma con una propria potestà legislativa. Ha una superficie di 25.708 kmq; confina a nord tramite lo stretto di Messina con la Calabria, a sud idealmente con la Tunisia attraverso il canale di Sicilia largo circa 140 km, a est con il Mar Ionio e a ovest con il Mare Mediterraneo.

Da sempre crocevia di svariate civiltà ha ereditato da ciascuna di esse un tassello del mosaico che compone il tipico carattere del popolo, oltre che testimonianze straordinarie di un patrimonio culturale e artistico raramente eguagliato nel mondo.

Così oggi la Sicilia riesce ad offrire ai propri visitatori eccezionali edifici di rilievo storico e testimonianze della sua storia, insieme a numerosi tesori d’arte ed eredità culturali. Alcuni dei personaggi più celebri per le loro creazioni artistiche, come Vincenzo Bellini o letterarie, come Giovanni Verga, furono nativi siciliani.

Dal punto di vista climatico ha un clima mite, con un paesaggio naturale composto da isole e isolotti. Si possono ammirare, infatti, alcune tra le più belle spiagge del Mediterraneo, con fondali marini incontaminati, ma anche vulcani attivi, come l’Etna, il più grande vulcano attivo d’Europa e ancora paesaggi montuosi e collinari che abbracciano molte città barocche nella parte orientale, che fanno dell’isola una delle mete più ricche di bellezze luoghi affascinanti da scoprire. Capitale d’eccellenza del barocco siciliano è Ragusa.

Una splendida città d’arte situata nella parte sud – Orientale della Sicilia. Nonostante le antiche origini, deve la sua fama agli edifici e alle chiese barocche costruite dopo il terremoto del 1693 che colpì tutta la Val di Noto.

I capolavori architettonici costruiti dopo il terremoto le hanno valso la nomina tra i Patrimoni dell’umanità dell’Unesco. Simbolo di Ragusa è il Duomo di San Giorgio. A pochi chilometri da Ragusa si trova Scicli, anche essa una città ricostruita dopo il terremoto in chiave barocca.

Più a Sud rispetto a Ragusa si trova Modica. Una bellissima cittadina tardo-barocca famosa per il cioccolato. In cui è possibile il Castello dei Conti di Modica.

Tra le spiagge più spettacolari ed esotiche vale la pena visitare Marina di Ragusa, apprezzata per i suoi lidi di sabbia dorata finissima. Non lontana si trova la spiaggia di Punta Secca, un piccolo borgo marinaro chiamato dalla gente locale a sicca, per via di una piccola formazione di scogli di fronte alla spiaggia di levante. Tra Noto e Ragusa si trovano anche Calamosche, una piccola cala di sabbia, stretta tra due promontori rocciosi e circondata da dune, con acque trasparenti, e l’Oasi di Vendicari, uno dei luoghi più selvaggi della Sicilia nonché riserva naturale faunistica dal 1984.

Ciò che più stupisce è il colore limpidissimo del mare.

A Ovest dell’isola, non lontano da Sciacca, si trova una delle spiagge più rinomate: Capo Passero con un fondale particolarmente profondo, ma assolutamente meraviglioso.

E’ a Nord-Ovest, però, che sono concentrate tre spiagge uniche al mondo: San Vito lo Capo, Scopello e Terrasini.

Le prime due si trovano all’interno di una riserva naturale chiamata Lo zingaro. Qui l’arena è bianca e finissima e il mare è puntellato di scogli. Terrasini, invece, è caratterizzata da rocce rosse venate di bianco.

A incantarvi sarà anche la cucina siciliana, una delle più ricche in Italia. Nei mercati locali della Sicilia si possono trovare, accanto al pesce fresco, molluschi e crostacei, ma anche carne, frutta, verdura, erbe e funghi delle foreste e dei campi dell’isola.

Questi ingredienti rappresentano la base dei gustosissimi piatti tradizionali siciliani come gli arancini, palline di riso con carne e gli involtini di carne farcita con formaggio, uova, cipolla e salame.

I veri protagonisti dell’isola sono i dolci. Mandorle, marzapane, pistacchi e frutta candita si ritrovano in tutte le loro varietà e deliziano tutti i fortunati che riescono a provarli.

Dolci come i cannoli di ricotta, la cassata siciliana, i gelati e le granite, vere e proprie creme alla frutta tradizionalmente servite in bicchieri di vetro con panna fresca e brioche.

La Sicilia, riesce, così, a entusiasmare e a stupire il visitatore, non solo con le sue bellezze paesaggistiche e le splendide spiagge, ma anche con eccezionali attrazioni storico-culturali e con le sue uniche delizie culinarie.